Finanziamenti per disoccupati: come funzionano?

La crisi e la ricerca di una prospettiva di vita migliore hanno portato ad una crescita della richiesta di prestiti personali. Per venire incontro ai soggetti senza garanzia di reddito gli istituti di credito e le finanziarie offrono oggi soluzioni mirate ad ottenere prestiti di varia entità. Grazie ad internet è possibile valutare le varie proposte, confrontare i tassi d’interesse e scegliere la soluzione più adatta alle proprie esigenze. Inserendo i propri dati sui vari siti delle banche o finanziare disponibili online, è possibile conoscere i preventivi e avere un quadro preciso sulle offerte del momento.

Finanziamenti senza busta paga per disoccupati

Nella erogazione dei prestiti per disoccupati i privilegiati sono i giovani: infatti, le banche o le finanziarie concedono più facilmente un prestito a giovani disoccupati che intendono aprire un’attività. La soluzione è una fidejussione che impegna il titolare ad adempiere al pagamento delle rate in caso di insolvenza. Sono comunque diverse le banche che erogano prestiti ai disoccupati, anche non giovani: tra queste vi sono IBL Banca e Credem, che valutano l’erogazione dei prestiti per disoccupati purché in presenza di garanzie alternative. Anche Findomestic e Compass offrono tassi di interesse sono molto interessanti, e ancora Aliprestito e Uniprestiti sono istituti affidabili che concedono prestiti anche a chi non ha garanzie su cui contare e non possiede alcuna fonte reddituale.

Per maggiori informazioni in merito si può leggere questa guida: finanziamenti senza busta paga anche per disoccupati.

Come ottenere un prestito personale per disoccupati

Ottenere un prestito personale per disoccupati, come abbiamo visto, non è impossibile, e tra le altre forme veloci per avere liquidità vi sono anche le carte revolving, ideali per avere subito una piccola somma di denaro disponibile. E’ anche possibile chiedere prestiti a banche e finanziarie offrendo delle garanzie alternative, che possono consistere o nella presenza di un garante o nell’ipoteca su un immobile di proprietà, oppure anche in un canone di locazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *