Come mangiare le alghe mantenendo i sapori della cucina mediterranea

Per chi è abituato al sapore della cucina occidentale può non essere facile abituarsi al sapore delle alghe , ma vi sono delle ricette che permettono di consumarle insieme a degli ingredienti dai gusti più conosciuti. Ecco come mangiare le alghe senza discostarsi dalle proprie abitudini alimentari.

Le alghe, verdure di mare, sono conosciute da molto tempo per prolungare la durata di vita, prevenire le malattie ed essere una sorgente di bellezza e salute.

Le alghe sono apparse sulla terra circa un miliardo e mezzo di anni fa e sono gli antenati di tutte le attuali piante.

Ai nostri giorni esistono circa 10.000 specie alghe marine verdi rosse e brune.

Contenuto nutrizionale delle alghe

Le alghe sono degli alimenti con un contenuto nutrizionale così interessante da rappresenta sto tipo dell’alimento ideale. Le alghe infatti forniscono una grande quantità di nutrimenti fra i più benefici, dai minerali essenziali come lo iodio il potassio il ferro e il calcio, delle proteine, tutti gli aminoacidi essenziali, molti acidi grassi essenziali come l’omega 3, vitamine e fibre alimentari.

Le alghe contengono più proteine che il latte e le uova è più ferro che la carne di bue. Sono anche una formidabile sorgente di oligoelementi ed aiutano a ridurre agguato le cisti da ritenzione idrica e da eliminare i metalli pesanti e a perdere peso.

Bisognerebbe mangiarne a volontà infatti le alghe sono più nutritive delle verdure coltivate sulla terra.

Come mangiare le alghe come integratori alimentari

Le si trova facilmente sotto diverse forme naturali o cucinate.

Il modo che trasferiamo per mangiare le alghe è quello di mescolare i sapori della nostra cucina tradizionale con le alghe dando vita a dei veri e propri piatti di cucina fusion.

Un altro modo per mangiare le alghe è quello di usarla sotto forma polverizzata al posto del sale e delle spezie.

Si può per esempio insaporire un insalata cospargendola con un pizzico di alga wakame essiccata che faccia la funzione del sale, oppure aggiungere ad una minestra dell’alga Nori sbriciolata che faccia la funzione del glutammato di sodio per rilevare il sapore della minestra stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *